Cos’è il Certificato SSL

 

Iscriviti alle News per rimanere aggiornato

Se vi state chiedendo perchè alcuni siti, nella barra degli indirizzi del browser mostrano HTTP, mentre altri HTTPS, allora questo articolo fà per voi.

La nascita del certificato SSL.

L’esigenza di garantire le informazioni inserite attraverso i moduli dei siti web è sorta praticamente insieme ad Internet stesso. E’ pero’ con lo sviluppo dell’era digitale, la quantità di frodi informatiche e di dati che sono stati sottratti per scopi fraudolenti, che si è arrivati a creare i moderni protocolli di sicurezza che, insieme a centinaia di altre tecnologie, garantiscono agli utenti di poter navigare in rete senza grandi rischi.

Cos’è?

Il certificato SSL (Secure Sockets Layer), che è poi riconoscibile, se presente, dall’indicazione del protocollo HTTPS nella barra del browser, è un modo sicuro di comunicare tra il browser dell’utente e il server dove si trova la pagina / risorsa richiesta. Infatti, prima della trasmissione dei dati tra le due parti avviene un controllo che verifica appunto che le informazioni inserite dall’utente nel sito web saranno crittografate e quindi protette da attacchi esterni durante il passaggio.

I passaggi.


1. Il client server chiede la risorsa al server web

2. Il server web invia il proprio certificato al client (browser)

3. Il browser, dopo aver verificato il certificato, autorizza una connessione sicura

4. Il passaggio delle informazioni è ora sicuro e crittografato.

5. Tutti sono felici.

Un sito web ospitato su un server che adotta il certificato SSL garantisce quindi all’utente che le informazioni sensibili (come quelle sulla carta di credito, anagrafiche e personali) inserite nel sito, siano trasmesse al server web in modo sicuro. Esistono diversi livelli di sicurezza e differiscono sostanzialmente dal grado di cifratura del certificato.

Basterebbe questo a suggerire a tutti coloro che hanno un sito HTTP di richiedere appena possibile il certificato SSL, ma se l’aspetto della sicurezza dei dati altrui non dovesse bastare c’è un altro motivo, molto piu’ stimolante e “individuale”, che vi spingerà a farlo. Quale? Il fatto che Google stia progressivamente togliendo punteggio, e presumibilmente posizioni nelle pagine dei risultati, a tutti i siti che ne sono sprovvisti. Se il vostro browser si chiama Chrome avrete già notato da un pezzo che il vostro sito in HTTP è classificato “Non sicuro”. Questa etichetta, che già di per se non è piacevole per chi lavora in modo attento e serio, comunica inoltre all’utente internet, che ricordiamolo, nel 2018 è un utente evoluto, attento e smaliziato, che si sta muovendo su un terreno minato dove, se dovesse decidere di inserire le sue informazioni, lo fà a suo rischio e pericolo.

Non è quindi un azzardo immaginare che per i siti sprovvisti di SSL assisteremo a quello che è successo per i siti non responsive negli ultimi anni, ossia che Google, nella sua immensa saggezza, li ha praticamente eliminati dai risultati delle ricerche, imponendo a tutti, di fatto e a rischio di non essere piu’ visibili, l’adozione del layout responsive.

Se il tuo sito non è ancora dotato di certificato SSL chiedici informazioni. I nostri siti sono tutti dotati di protocollo HTTPS.

Categorie

Articoli recenti

Tag

Archivi

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *