Pixel Facebook.

 

Iscriviti alle News per rimanere aggiornato

Se uno strumento di nicchia dedicato agli addetti ai lavori è mai riuscito a far parlare di se’ una platea piu’ ampia e meno specializzata, allora quello strumento è colorato di blu, ha il passaporto a stelle e strisce (tanto per cambiare) e si chiama Pixel Facebook. Sarà che ogni prodotto dei colossi dell’IT gode di un alone di santità oppure perchè, effettivamente insieme a Google Analitycs, riesce a rispondere ad un quesito fondamentale nel marketing digitale, ossia : la definizione, certa, del ROAS. In ogni caso è uno strumento potente che se settato correttamente risponde a molti interrogativi permettendo di aumentare l’investimento pubblicitario dove conviene ed eliminarlo se improduttivo.

Ma cos’è? E’ giusto qualche briciola di codice, che nell’ordine va prima creata e settata e poi infine inserita all’interno del sito nel codice HTML. Questo marcatore puo’ tracciare completamente le azioni che avvengono su un sito web a seguito di un’azione di marketing come una campagna pubblicitaria, evidenziando quindi se ogni euro speso genera anzitutto un profitto e soprattutto in che misura. E scusate se è poco!

In pratica? Facebook ha introdotto il Pixel da ormai molto tempo e all’inizio della sua storia questo strumento aveva due compiti distinti, svolto ciascuno da un Pixel differente. Esisteva infatti quello per il Remarketing e quello, appunto, per il monitoraggio delle conversioni.

Il Pixel per il Remarketing. Immaginate un utente che arriva nel vostro sito e tanto per farvi un dispetto compie uno dei crimini piu’ odiosi che si possano commettere nei confronti dei possessori di un sito Ecommerce, ossia l’abbandono del carrello pieno senza concludere l’acquisto. Il Remarketing, tra le altre, ha questo come obiettivo principale, cioè ritrovare l’utente che non ha concluso la procedura d’acquisto, o che comunque è già entrato in contatto con il vostro sito e il vostro brand, senza però compiere azioni significative. Dove lo ritrova?Su Facebook che domande! In pratica potete scegliere di mostrare la vostra campagna a tutti coloro che appunto, per un motivo o per un altro, vi conoscono ma non hanno comprato. Vedendo di nuovo il vostro brand e la vostra pubblicità ci sono discrete possibilità che l’utente decida di concludere la procedura d’acquisto e in ogni caso di avanzare di un altro passettino nel Marketing Funnel.

Il Pixel per il monitoraggio delle conversioni. Non c’è bisogno di chiamarsi Aladino per capire che quando si parla di Marketing Digitale fatto a regola d’arte la prima cosa che si fa è uno studio sulla sostenibilità della campagna e sul Funnel del cliente. Voi titolari di aziende, giustamente, avete bisogno di capire se quell’euro speso in pubblicità vi porta dei risultati positivi e in che misura. Il Pixel di monitoraggio ci aiuta a darvi una risposta, tracciando il percorso che l’utente fà a partire dall’inserzione a pagamento su Facebook, evidenziando le persone coinvolte, quante di loro acquistano il vostro prodotto / servizio e di conseguenza, avendo abbinato un valore economico ad ogni azione, quanto fatturato vi porta, in relazione alla spesa, una determinata inserzione di Facebook.

Questo era il passato, recentemente invece, dalle parti di Menlo Park, hanno deciso di creare un Pixel unico, capace di default di tracciare gli utenti che arrivano sul sito Internet per poi riproporgli azioni di Remarketing e allo stesso tempo, dopo averlo modificato su determinate azioni / URL, anche di monitorare gli acquisti, la compilazione di un form oppure lo scaricamento di una guida, e di abbinare a ciascuna azione un valore economico. Ecco in breve cos’è il Pixel Facebook.

Da dove partire?

Visita la pagina dedicata al Social Media Marketing e crea un Account pubblicitario di Facebook.

Se avete domande o dubbi noi siamo qua e siamo felici di rispondervi.

Categorie

Articoli recenti

Tag

Archivi

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *